mercoledì 16 maggio 2012

A Modo Mio - Pane con Pasta Acida Essiccata or Bread made with Dry Sourdough


Qualche settimana fa ho comprato una bustina di pasta acida essiccata per fare il pane, non ho letto attentamente le istruzioni, l'ho comprata e via. Una volta arrivata a casa mi sono dimenticata di averla. Quando ho deciso di fare il pane l'ho presa e ho letto che mi sarebbe servita una bustina di lievito di birra e della farina di farro. Il lievito c'è sempre in casa, la farina di farro no. Così ho deciso che avrei usato farina integrale mescolata a farina bianca. Il procedimento poi non mi convinceva, già una volta avevo cotto una pagnotta partendo dal forno non preriscaldato e la cottura era stata un mezzo disastro. Ecco che mi son trovata a cambiare gli ingredienti e la modalità di cottura usando un prodotto che non avevo mai usato.
Non si fa, non si fa!
Lo so, eppure ho voluto fare di testa mia e il risultato è stato delizioso.

Ecco la mia ricetta per fare una bella pagnottona di circa 1.5 kg che si manterrà fresca per giorni:

  • 1 bustina di pasta acida essiccata marca "Baule Volante"
  • 450 g circa di farina integrale biologica
  • 500 g circa di farina fluida francese (che qui non si trova, ma si può usare una farina tipo Manitoba)
  • 10 g di lievito di birra in granuli
  •  670 ml di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale
Mettere la farina, la pasta acida secca e il sale in una ciotola e si mescolano bene. Sciogliere il lievito di birra con lo zucchero in un bicchiere d'acqua prendendolo da quella misurata poi, dopo una decina di minuti (quando il lievito comincia ad attivarsi e a fare la schiuma in superficie) mescolare lievito e acqua nella ciotola della farina. Mescolare con un cucchiaio di legno e poi versare tutto l'impasto su un piano infarinato, lavorare fino a che diventa liscio e non è più appiccicoso.
Se necessario aggiungere altra farina, ma poca per volta o inumidirsi le mani con dell'acqua se l'impasto è troppo secco e non tutta la farina s'è amalgamata.
Mettere l'impasto in una ciotola grande, coprire e lasciar lievitare per 2 ore. Passato questo tempo dare all'impasto la forma di una pagnottona rilavorandolo per qualche minuto. Accendere il forno a 200°C (ventilato) e mettere una teglia con dell'acqua bollente in basso nel forno. Far cuocere per circa 45/50 minuti, sfornare e far raffreddare su una griglia da pasticcere prima di tagliare.

Foto tragicamente sfuocata, ma l'ho messa comunque per farvi vedere la riuscita del pane, la bella alveolatura e la cottura ottimale della pagnotta.

Nessun commento:

Posta un commento

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)