mercoledì 5 dicembre 2012

Le Basi - Risotto con la Crescenza Risotto with Crescenza Cheese


Non lasciatevi trarre in inganno dalla foto poco accattivamente perché questo risottino è veramente molto, molto buono!
Ieri sera avevo troppa fame per perdermi dietro alla ricerca di un piatto colorato che contrastasse con il colore neutro del cibo o per prendere un coppapasta e dare al risotto una forma carina. Sono uscita con Andrea verso le 19, nel freddo pungente della sera e mentre lui correva io ho fatto la stessa strada in bici, un po' per fargli compagnia, un po' per sgranchirmi le gambe. Al ritorno la fame si faceva sentire e così in poco tempo, giusto quello necessario perché il riso cuocesse, ho preparato questa prelibatezza. Di per sé già molto buono può essere declinato in molte altre maniere, possono essere aggiunte delle noci tritate, o anche delle nocciole oppure si può aggiungere del formaggio erborinato per un sapore più intenso o ancora delle erbe aromatiche tritate sia fresche che essiccate, mi vengono in mente il timo fresco o del rosmarino, e che dire delle spezie come la noce moscata o la paprika? Forse una spolverata di pepe, come ha fatto Andrea, basta a dare quel tocco in più.
La ricetta è molto semplice. Ho fatto bollire dell'acqua nella quale ho sciolto un dado di brodo vegetale bio. Ho tagliato finemente mezza cipolla e l'ho fatta soffriggere in un cucchiaio di olio extravergine d'olia, a fuoco vivace, facendo attenzione a non farla bruciare. Ho aggiunto il riso (vialone nano), l'ho tostato ben bene e ho cominciato a sfumare con il brodo. A cottura quasi ultimata ho assaggiato e aggiustato di sale poi, quando il riso era cotto a puntino ho spento il fuoco, ho aggiunto una manciata di grana grattugiato e due cucchiai colmi di crescenza. Una bella mescolata per far sciogliere il formaggio e il piatto è pronto. Ho voluto mangiare il riso così com'era per la prima volta e sono rimasta piacevolmente soddisfatta. Ho sempre paura dei piatti dove vengono usati formaggi fusi, di solito li trovo troppo ricchi e stucchevoli, questa volta sono stata stupita dalla delicatezza di questo risotto. Non è insapore o di poco gusto eppure il sapore del formaggio è appena accennato e dona cremosità al risotto senza dover aggiungere il burro in fase di mantecatura. Da rifare assolutamente!

Nessun commento:

Posta un commento

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)