giovedì 14 novembre 2013

Rivisitazioni - Zuppa di Pomodoro con Ajvar or Tomato Soup with Ajvar

 
Scroll Down for English Version

Il pomodoro mi piace, si sa.
Mi piace a primavera inoltrata, quando si cominciano a trovare i primi insalatari mezzi verdi che si fanno maturare nella ciotola in cucina, vicino alla finestra al tepore dei primi soli. Mi piace in estate come accompagnamento che va bene con tutti i piatti, trasformato in gazpacho dissetante o in salsa che avviluppa pasta trafilata al bronzo. Gli ultimi pomodori d'autunno sono preziosi e si gustano piano piano. In inverno non mi scoraggio certo e preparo zuppe fumanti con il pomodoro in scatola. Pochi requisiti necessari per avere piatti eccellenti a base di pomodoro anche nel cuore del freddo inverno: usare i pomodori dell'orto che abbiamo conservato oppure, in mancanza di questo, usare pomodori conservati acquistati facendo attenzione a che siano italiani e possibilmente biologici. Si sente tanto parlare di cibo adulterato, terreni inquinati, mancanza di regolamentazione sulla produzione e la conservazione del cibo in altri Paesi. Io ho deciso di comprare solo materie prime quanto più possibile del territorio, biologiche e assolutamente italiane. Niente limoni del Cile o del Sud Africa per me, piuttosto sto senza, niente agrumi in generale che non siano italiani, niente pomodori di chissà dove. Ecco che in questo modo si riesce ad avere in tavola del cibo sano e gustoso. Ecco come nasce questa zuppa semplice, ricca del profumo intenso del pomodoro appena addolcito da un tocco di burro. Mi piace accompagnare questo tipo di zuppe con dei crostoni di pane, ma stavolta ho pensato di spingermi un poco oltre e servire la zuppa con dei sandwich tostati. Una cena che ricorda un poco un picnic, tanto gusto, poche tribolazioni. A volte è anche bello star poco in cucina ed avere comunque un piatto sfizioso da presentare no?
 
Per 2 persone come piatto unico:
  • 2 barattoli di pomodori pelati
  • 1 e 1/2 cipolla dorata
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
  • 1/2 cucchiai di ajvar
  • sale
  • bicarbonato
  • 1 noce di burro

Per accompagnare:
  • 4 fette di pane
  • 4 fette di prosciutto cotto
  • un poco di formaggio grattugiato grossolanamente
  • burro
Tritate grossolanamente la cipolla e fatela dorare nell'olio. Dopo 5 minuti aggiungete l'aglio tritato, fate cuocere per 1 minuto mescolando e poi aggiungete il pomodoro e un pizzico di bicarbonato. Fate prendere il bollore, aggiungete l'ajvar, una presa di sale e fate cuocere per circa 15/20 minuti. Togliete dal fuoco, aggiungete il burro e poi frullate con un frullatore a immersione.
Preparare il pane tostato spalmando leggermente di burro entrambi i lati delle fette di pane, farcite con prosciutto cotto e formaggio di vostro gradimento e tostate in una padella antiaderente dal fondo spesso fino a che il pane sarà ben dorato. Servite con una ciotola fumante di zuppa di pomodoro.
 
English Version
  
It is well known I like my tomatoes.
I like them in late spring, when you can find the first greenish tomatoes you can put in a bowl in the kitchen next to the window in the warmth, and wait until they’re ripe enough to make a salad. I like them in summer as side that goes well with all the main dishes, or turned ​​into refreshing gazpacho or again cooked to make a sauce that envelops high quality pasta. The last autumn tomatoes are precious and I savour them slowly. Comes winter I’m not discouraged and prepare steaming soup with canned tomato. A few requirements are needed to have excellent tomato dishes even in the middle of the cold winter: use the tomatoes from the garden that were home preserved or, failing this, use bought canned tomatoes making sure they are Italian and possibly organic. We’ve been hearing about adulterated food, contaminated soils, lack of regulation on the production and storage of food in other Countries. I decided to only buy my raw food at the farmers market, organic if possible, and absolutely Italian. No lemons from Chile or South Africa for me, I’d rather do without, no citrus fruits that are not Italian, no tomatoes from who knows where. Only in this way it is possible to serve healthy and tasty food. Here is how I made this simple soup, the rich and intense tomato aroma softened by a touch of butter. I usually like to serve this kind of soups with croutons, but this time I decided to push myself a little further and serve it with toasted sandwiches. A dinner that looks like a little picnic, a lot of taste, not much work. Sometimes it's nice when we don’t slave in the kitchen and still have a delicious dish to be served, isn’t it?
 
For 2 people as a main dish:
  • 2 cans of peeled tomatoes
  • 1 1/2 golden onion
  • 1 clove of garlic
  • 1 tablespoon extra virgin olive oil
  • 1/2 tablespoons of ajvar
  • salt
  • bicarbonate
  • 1 knob of butter
 
To serve:
  • 4 slices of bread
  • 4 slices of ham
  • a little cheese, like Cheddar, coarsely grated
  • butter
Coarsely chop the onion and softened in the oil. After 5 minutes add the chopped garlic and cook for 1 minute stirring, then add the tomatoes and a pinch of baking soda. Bring to a boil, add the ajvar, a pinch of salt and cook for about 15/20 minutes. Remove from heat, add the butter and then blend with a hand blender.
Prepare the toast by slightly spreading the butter on both sides of the bread slices, fill with ham and cheese to your liking and toast on a thick-bottomed pan until the bread is golden. Serve with a steaming bowl of tomato soup.

12 commenti:

  1. Caspita Debora, sfiziosissimo direi!!
    Ottima la zuppa, deve essere davvero profumatissima!!
    E sono d'accordo, a volte quello che ci serve è tanto gusto ma poche tribolazioni!! Già ci bastano quelle quotidiane non dipendenti da noi!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, a me l'iconica zuppa di pomodoro piace da impazzire, per fortuna anche a mio marito così la posso fare spesso senza vedere facce strane in giro per casa... :D
      Quanto ai passaggi veloci in cucina ogni tanto ci vuole proprio, massima resa minimo sforzo!
      Un abbraccio, a presto. :)

      Elimina
  2. Ciao, Debora! Ti ringrazio di cuore per la tua squisita gentilezza! Grazie per essere passata a trovarmi. Mi hai dato modo di arrivare in questo tuo spazio davvero vivace e bellissimo! Mi unisco ai tuoi lettori con vero piacere! A proposito...che splendida versione di zuppa al pomodoro!
    A prestissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Grazia, sono contenta che ti piacciano le mie proposte e che tu mi segua, grazie per i bellissimi complimenti.
      Un abbraccio e a presto. :)

      Elimina
  3. Adoro le zuppe e le vellutate di verdura, questa con il pomodoro è una delle mie preferite! Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me quella al pomodoro è la migliore di tutte le vellutate, zuppe, passati di verdura, certo che anche quella di zucca...o quella di piselli... :D
      A presto, buona domenica. :)

      Elimina
  4. buongiorno Debora! Prima di commentare il tuo post ho copiato alcune ricette , molto particolari, che non conoscevo assolutamente.
    Io sono con te meglio non comprare ma i prodotti devono essere italiani,anche per la stagionalità dei prodotti sono esigente mi dispiace quando sento alcune mie amiche che preparano a Natale la parmigiana di melanzane!
    Viva le vellutate
    Buona domenica
    Patrizia di Cucina con Dede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia, anche io cerco di seguire le stagioni per quanto riguarda frutta e verdura, finita la stagione poi certi tipi di alimenti non mi vanno più...
      Sono contenta che tu abbia trovato delle ricette nuove, il bello dei blog è proprio questo no? ^_^
      A presto!

      Elimina
  5. Ciao Debora, complimenti, vedo che anche il tuo blog è bilingue! Non è un lavoro facile, è molto impegnativo, ma se piace, se c'è la passione allora si può fare tutto e non è assolutamente un peso.
    Buonissima la zuppa di pomodoro, uffa....non la mangio da anni! E mi ricorda casa, ovviamente.
    Originale la tua idea di servirla con dei sandwich. Complimenti, buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Any! Il blog in due lingue è doppio lavoro ma gran soddisfazione quando si sa che così si possono raggiungere anche gli amici che altrimenti sarebbero tagliati fuori dalla barriera linguistica. ^_^
      Grazie di cuore per i complimenti, a presto!

      Elimina
  6. Squisita questa zuppa... solamente da poco inizio ad apprezzare il pomodoro ma la tua zuppa mi alletta molto!
    Complimenti Debora, bravissima come sempre!
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela, sai che anche chi mangia normalmente il pomodoro quando parlo di zuppa di pomodoro fa delle facce strane come se fosse una cosa strampalata mangiarne così tanto, tutto insieme! :D
      Grazie di cuore per i complimenti e continua a mangiare e sperimentare con i pomodori che fanno benissimo!
      A presto. :)

      Elimina

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)