lunedì 25 novembre 2013

Esperimenti - Pasta Brik or Brik Pastry

Scroll Down for English Version

Quante ricette ci sono che prevedono la pasta brik! Ma di cosa si tratta? La brik o warqua è una pasta sottilissima, più sottile della pasta fillo per intenderci, ed è originaria del nord Africa. Si trova in Marocco e Tunisia dove viene impiegata per fare dei deliziosi involtini che poi vengono fritti. Gli involtini fatti con la brik si possono anche cuocere in forno, opportunamente spennellati di olio o burro. Qui da me non riesco quasi mai a trovare la pasta fillo, figuriamoci la brik! E allora, come sempre in questi casi, non mi perdo d'animo e me la faccio da sola. Che gran soddisfazione quando questi esperimenti riescono bene! Ho pensato di farcirla con un mix di verdure saltate in padella e profumate con un bel po' di ras-el-hanout, una miscela di spezie ed erbe anch'essa tipica dell'Africa settentrionale. Il mix che ho preso a Londra è contraddistinto da un discreto aroma di noce moscata e chiodi di garofano ed è mediamente piccante. Ma ecco come ho preparato la mia pasta brik.

Per circa 25-26 fogli di pasta brik:
  • 150 g di farina 00
  • 50 g di semola di grano duro
  • 1 cucchiaio di olio di semi
  • 1 cucchiaino di sale
  • 400 ml di acqua
Versate in una ciotola le farine, il sale, l'acqua, l'olio e mescolate con una frusta. Lasciate riposare per circa 1 ora poi usate un frullatore a immersione o un colino per rendere l'impasto fluido e senza grumi. Mettete dell'acqua bollente in una pentola e posizionate una padella antiaderente per crêpes sopra la pentola. Aspettate che la padella sia calda e poi iniziate a spennellare l'impasto con pennellate veloci partendo dalla circonferenza e andando poi verso il centro. Ricoprite un paio di volte la superficie della padella spennellandola di impasto. All'inizio l'impasto sarà trasparente poi cuocendo diventerà biancastro. Usate una spatola di legno o di silicone per staccare i bordi del foglio di brik dalla padella. Sollevate poi il foglio con le mani e adagiatelo su un piatto. Proseguite così fino a esaurimento della pastella. All'inizio avevo spennellato i fogli di brik con dell'olio di semi perché temevo che si attaccassero, ma poi ho provato a sistemarli uno sull'altro senza ungerli e non si sono attaccati. Una volta che avrete finito di cuocere la brik preparate il ripieno, mettetene un po' sul centro del foglio, piegate a fagottino e cuocete friggendo i fagottini in olio ben caldo o in forno a 200°, fino a doratura, dopo aver spennellato la superficie con del burro fuso.
 
English Version
 
So many recipes require brik pastry! For those who don’t know it, brik or warqua is a thin pastry, thinner than filo pastry, and is native to North Africa. It is located in Morocco and Tunisia, where it is used to make delicious filled parcels which are then fried and served hot. Parcels made ​​with brik pastry can also be baked if previously brushed with oil or melted butter. Where I live I can hardly ever find filo pastry, let alone brik! And so, as always in these instances, I get not discouraged and I made it myself. What a great satisfaction when these experiments turn out well! I stuffed my brik pastry sheets with a mix of sautéed vegetables flavoured with a good pinch of ras -el- hanout, a blend of spices and herbs also typical of northern Africa . The mix that I bought in London has a discreet aroma of nutmeg and cloves and is not too spicy. Here's how I prepared my brik pastry.
 
For about 25-26 brik pastry sheets:
  • 150 g 00 flour
  • 50 g of durum wheat flour or semolina
  • 1 tablespoon of vegetable oil
  • 1 teaspoon salt
  • 400 ml of water
Put the flour, salt, water, and oil into a bowl and stir with a whisk . Let stand for about 1 hour then use a hand blender or a sieve to get a smooth dough without any lump. Put boiling water in a pot and place a non-stick pan over the pot. Wait until the pan is hot and then start brushing the dough with quick strokes starting from the circumference and then going towards the centre. Cover the surface of the pan a couple of times brushing with thin layers of mixture. At first the mixture will be transparent then after cooking fora few seconds it will become whitish. Use a wooden or silicone spatula to loosen the edges of the sheet of brik from the pan. Then raise the thin sheet with your hands and lay it on a plate. Continue like this until all the batter has been used. At first I brushed the sheets of brik with vegetable oil because I was afraid that they’d stick together, but then I tried to place them one on top of the other without greasing them and they were fine. Once you have finished cooking the brik prepare the filling, once lukewarm put a bit in the middle of the sheet, fold the sides and roll until you have a parcel. Fry in hot oil or in an oven at 200 ° until golden brown, after having brushed the surface with melted butter.

16 commenti:

  1. la pasta brik fatta in casa? la devo provare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina, come si dice, ho fatto di necessità virtù! ^_^

      Elimina
  2. Fighissima!! La pasta fillo la trovo al supermercato ma la pasta brik no, in realtà dovrei cercarla nei negozi di cibo etnico, qui a Genova ce ne sono tanti e forse qualche chance l'ho!!
    Però davvero sei stata bravissima, è sottile da matti!!
    Complimenti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia!
      Qui la fillo la trovo in certi negozi e poi sparisce, pare che a Mantova non la usino in molti e così è sempre un lavoraccio andare in cerca di questi ingredienti. La brik non l'ho proprio mai vista qui in giro...e comunque la super soddisfazione di farsela è una gran cosa! ^_^

      Elimina
  3. Non ho mai pensato di farla in casa, mi hai dato una strepitosa idea :-D Grazie Deb :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Consuelo, è talmente facile che se anche la trovassi ora non la comprerei! (A meno di essere veramente di fretta!)
      A presto. ^_^

      Elimina
  4. Ma tu sei bravissima!... post molto interessante e questa pasta brik mi ha conquistata!
    Un abbraccio Debora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela, grazie dei complimenti ma credimi è molto facile fare questa pasta sottilissima. Devo confessare che la prima è venuta male, un po' come le crepe, la prima non è mai perfetta, ma una volta iniziato è stato superfacile! ^_^

      Elimina
  5. ma sei avantissimo cavolo!!! che donna!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, non è che sono avanti io sono indietro da queste parti e io armeggio per rimanere in pari... :D

      Elimina
  6. ti è venuta proprio bene, io non l'ho mai preparata, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, era la prima volta che la facevo e sono rimasta proprio soddisfatta! :)
      A presto.

      Elimina
  7. Ma che brava che sei, è una genialata la pasta brik home made!!!
    Grazie mille per la condivisione!!
    Un abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmen,
      grazie mille per i complimenti. ^_^
      A presto!

      Elimina
  8. Ma tu sei un incanto!!!! Ti scopro grazie a Silvia e.... chi ti molla più!! Ahahahahahahah
    Questa pasta, da amante della phillo, non può che piacertmi. Grande!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Erica!
      Sono contenta che i miei esperimenti ti piacciano e spero di rivederti presto. ^_^

      Elimina

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)