giovedì 20 gennaio 2011

Ogni Promessa è Debito - Avgolemono or "The" Greek Soup

Scroll Down for English Version

La scorsa settimana, durante l'influenza, in un picco di febbre altissima credo di aver delirato, in quanto ricordo di aver pensato, nel bel mezzo della notte, e a più riprese, alla parola "Avgolemono". Una volta che mi sono rimessa, un po' per scommessa con alcuni amici, ho deciso che questo avgolemono s'aveva da cucinare! Eh si perchè si tratta di un piatto di origine greca, una minestra di riso e pollo condita con una salsa di limone e uova da cui appunto il nome. Non mi aveva mai troppo convinta questa accozzaglia di ingredienti e sapori e così sono rimasta piacevolmente stupita dalla sapidità e dalla freschezza del piatto. Un chè di maionese solleva i sapori altrimenti blandi di questa minestra di riso brodosa arricchita da pezzi di pollo e verdurine.
Ho trovato la ricetta su uno dei libri di cucina della mia collezione e l'ho integrata con tecniche imparate navigando in rete, creando come sempre la "mia versione" di avgolemono. Ho dimezzato le dosi facendone 2 porzioni e me ne sono dispiaciuta, ne avrei volute 4 a disposizione per farla assaggiare ad Andrea e averne ancora da riscaldare nei giorni a venire. Prima che questo lungo, piovoso e noiosissimo inverno finisca la rifarò, ne sono sicura, che son rimasta con la voglia di gustarne ancora un po'.

Ecco le dosi per 2 porzioni:
  • 80 g di riso per minestre (io ho usato del vialone nano integrale perchè era quello che avevo in casa)
  • 500 g di pollo, ho usato 3 cosce
  • 1 limone non trattato
  • 1 cipolla dorata
  • 3 carote medie
  • 1 gambo di sedano con le foglie
  • 1 porro piccolo
  • 1 uovo
  • sale
  • pepe in grani
  • prezzemolo tritato per servire (opzionale)
Ho preparato il brodo portando a ebollizione 1 1/2 l di acqua, poi ho aggiunto il pollo, le carote tagliate a pezzi grossolani, la cipolla tagliata a spicchi, le foglie di sedano, un generoso pizzico di sale e qualche grano di pepe. Ho fatto cuocere per 1 ora coprendo la pentola.
Nel frattempo ho tagliato il gambo di sedano e il porro a pezzettini e una volta che il pollo era cotto l'ho scolato, ho tolto anche le verdure e ho aggiunto sedano e porro al brodo facendoli cuocere per 10 minuti. Ho aggiunto il riso e l'ho fatto cuocere per circa 15 minuti. Ho tagliato le carote e un po' della cipolla a dadini. Ho disossato e tolto la pelle dal pollo e l'ho tagliato a listarelle. A cottura ultimata del riso ho rimesso nella pentola il pollo e le verdure. Ho tolto la minestra dal fuoco e ho preparato la salsa d'accompagnamento. Ho separato l'albume e il tuorlo. Ho cominciato a montare l'albume con una frusta e quando si è addensato, ma non è montato completamente, ho aggiunto il tuorlo e a filo il succo di mezzo limone fino ad avere una crema un po' spumosa. Ho aggiunto questo condimento alla minestra e ho servito subito decorando con fettine di limone. Questo è il momento di aggiungere il prezzemolo se lo usate.
English Version


Last week, while dealing with the flu, I had very high temperature and I remember the word “Avgolemono” springing up to my mind several times. Once I felt better I decided, as promised to some friends, I had to cook this dish. Yes, Avgolemono is the name of one of the most famous greek soups made out of rice, chicken, lemon and eggs. I never thought much of this soup as the ingredients sounded too odd for my taste, but, once I tried it I had to think again: great taste and well combined flavours. A hint of mayonnaise lifted the otherwise bland colours of the dish enriched by pieces of chicken and veggies.
I found the recipe on one of my many cookery books, I added some techniques I read about on the internet and I created my Avgolemono’s recipe. I halved the quantities and that, for once, was a mistake as I wish I had some leftover for Andrea to taste and for me for the days to come. Before the end of this boring and rainy winter I’m so going to make it again, as I was left with the desire for more.
Here are the quantities for 2 servings:


• 80 g soup rice
• 500 g chicken, (I used 3 thighs)
• 1 organic lemon
• 1 golden onion
• 3 medium carrots
• 1 celery stalk and some celery leaves
• 1 small leek
• 1 egg
• salt
• few black peppercorns
• chopped parsley to garnish (optional)

 
Make the stock by bringing 1 ½ liters of water, add the chicken, carrots cut in chunks, onions cut in large slices, the celery leaves, a good pinch of salt and the peppercorns. Cover with a lid and cook for 1 hour.
In the meantime cut the celery stalk and the leek in small pieces.
Once the chicken is ready fish it out of the pot along with the carrots and the onion. Add the celery and the leek to the pot and cook for 10 minutes. Then add the rice and let it cook for 15 minutes. Cut the carrots and the some of the onion in small pieces and once the rice is cooked add them to the pot.
Take the skin and bone off the chicken and cut it into small chunks. Add the chicken to the pot and take off the heat. Prepare the sauce by putting the egg white in a bowl and start whisking it. When it reaches the soft peak stage add the yolk and the juice of half the lemon. Keep whisking until the sauce is thick, add it to the soup and serve immediately. Garnish with thin lemon slices and parsley, if using.
If you have some leftovers reheat it over gentle heat, as the egg could curdle if heated over high heat.

1 commento:

  1. Ciao!
    Scusa tantissimo l’effetto “spam”, ma abbiamo pochissimo tempo per avvisare tutti! Dopo il successo della precedente contro l’omofobia, decolla una nuova iniziativa food-bloggers contro l’atteggiamento indegno del Governo nei confronti delle donne.
    Trovi tutte le info qui e qui. Vieni a leggere, grazie! Un saluto Kemi

    RispondiElimina

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)