martedì 18 settembre 2012

Esperimenti - Mousse al Cioccolato ( e Acqua) or Chocolate Mousse with Water



Ieri sera ho voluto provare a fare la famosa mousse al cioccolato con l'acqua  di Heston Blumenthal. Ci pensavo da un po' ma ero sempre a corto di tempo o di cioccolato. Ecco che ieri mi sono organizzata, Andrea ha preparato la cena, un buonissimo risotto con la salamella degno dei mastri risottai di queste parti, e io mi sono dedicata al dessert. Come sempre ho modificato un po' la ricetta e l'ho arricchita per cercare di incontrare il gusto di Andrea che non ama i dolci "poveri". Così al cioccolato e a all'acqua, 130 grammi del primo, di ottima qualità e assolutamente fondente, e 100 ml della seconda (meno un cucchiaio), di rubinetto e fredda, ho aggiunto 1 cucchiaio di zucchero di canna chiaro e un cucchiaio di estratto di vaniglia. Ho messo tutto a fondere in una pentola e ho preparato un ciotola con dell'acqua fredda e qualche cubetto di ghiaccio. Ho messo un'altra ciotola nella prima, facendo attenzione a che il fondo fosse a contatto con l'acqua e ci ho versato il cioccolato fuso. A questo punto ho iniziato a frullare con le fruste elettriche ma la ciotola era poco profonda e rischiavo di rivestire le pareti della cucina di cioccolato così sono passata a una frusta manuale. Dopo qualche minuto e un bel po' di olio di gomito, ho cominciato a vedere che il composto si addensava, ho lavorato ancora un po' e ho ottenuto una bella mousse ariosa. L'ho suddivisa in 6 cocottine, che le mousse di solito sono troppo ricche e a mio avviso le dosi devono essere contenute. Siamo partiti all'assaggio e devo dire che a me è piaciuta molto, leggera, dolce, profumata. Non la solita mousse carica di grassi portati dall'aggiunta di panna, ma un composto gradevole con un suo perché. Esperimento riuscito!
Per quando riguarda Andrea invece, all'inizio ha detto che sapeva d'acqua (!?), poi ha rettificato la sua critica e ha detto che per lui è troppo ariosa, poco saporita, che insomma preferisce la mousse classica. Credo però che questa, forse con delle aggiunte accorte, magari gocce di cioccolato, o granella di nocciole e salsa al cioccolato o un ciuffo di panna montata sopra, possa diventare un ottimo dessert anche per lui. Ne abbiamo conservate 2 ciotoline in frigo per vedere se il giorno dopo la consistenza e il gusto fossero rimaste inalterate o, come spera Andrea, migliorate. All'assaggio mi è sembrata uguale a ieri. Stasera sentiremo il parere del goloso di famiglia.

2 commenti:

  1. molto interessante, dovremo assolutamente provarla, non ci crediamo che sappia "d'acqua"!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Non ci crediamo no che sappia d'acqua! E' quel malfidente di mio marito che si fa le idee strane e si lascia suggestionare! :D
      Fammi sapere se ti è piaciuta. :)

      Elimina

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)