giovedì 21 gennaio 2010

Il Rischio è il mio Mestiere - Risotto Cavolfiore, Brie e Mandorle or Cauliflower, Brie and Almond Risotto


Curiosando fra le varie rivista online di cucina, stamani mi è caduto l'occhio su una ricetta che non avrei mai preso in considerazione se non fosse stato che avevo in casa tutti gli ingredienti.
Una premessa a questa ricetta è di rigore in quanto ho infranto 2 postulati della mia cucina:

1 - Non si cucinano piatti che prevedano formaggi caldi, eccezion fatta per la pizza naturalmente! Il formaggio fuso, caldo, nelle pietanze, qualunque esso sia non mi è mai piaciuto, snatura l'essenza del formaggio, ne cambia il sapore e prende il sopravvento sugli altri ingredienti.
2 - La frutta secca è buona. Tutta. Non con la carne, non con i primi piatti, non mi attira, mi infastidisce, non mi esalta. Il pollo agli anacardi? Lo mangio, ma non è il massimo... I sughetti tipo la salsa di noci? Si, si, si lasciano mangiare, ma non mi verrebbe mai in mente di fare una pasta così condita non fosse che a Andrea piace e così ogni tanto ho un amoroso barlume e propongo l'inviso piatto.

Eppure stamani, sarà stata la foto, un così bello scatto pulito, sarà che avevo in mente comunque di usare un avanzo di cavolfiore crudo che avevo in frigo e che l'idea di un risottino era baluginata, sarà che avevo in casa anche il brie, che compro si e no 4 volte l'anno, insomma, ho deciso di lanciarmi coraggiosamente in questo esperimento.
Ecco gli ingredienti per 4 persone:

  • 4 tazze di brodo di pollo o vegetale
  • 2 1/2 tazza di acqua
  • 3 rametti di timo, più 1 cucchiaino di foglie
  • 1 cucchiaio di burro
  • 2 cucchiai di olio d'oliva
  • 1/2 cavolfiore tagliato in pezzettini di circa 1.5 cm
  • 1 1/2 tazze di riso arborio
  • 1/3 tazza di vino bianco secco
  • 140 g di formaggio brie tagliato in piccoli pezzi
  • 1/3 tazza di scaglie di mandorle tostate
  • sale
  • pepe

Portate a ebollizione il brodo, l'acqua e i rametti di timo. Nel frattempo scaldate il burro e un cucchiaio d'olio in una pentola capiente. Fate saltare il cavolfiore con una presa di sale fino a che diventa dorato, ci vorranno circa 6 minuti. Aggiungete le foglie di timo, saltate ancora 1 minuto e poi mettete in una ciotola. 
Aggiungete il rimanente olio nella pentola , poi il riso e fate tostare per 1 minuto mescolando. Sfumate con il vino e poi aggiungete il brodo poco per volta fino a che il riso è quasi cotto. 
Aggiungete il cavolfiore, il brie, aggiustate di sale e pepe e servite con una spolverata di mandole tostate.

Il brodo in questa casa si fa con il granulare vegetale, la carcassina di pollo che galleggia per ore nell'acqua proprio non riesco ad affrontarla!
Il risultato finale è stato un risotto diverso.
Buono.
Le mandorle erano ben tostate e diffondevano un buon profumo. Comunque non mi ha esaltata sgranocchiarle nella cremosità del risotto.
Il brie invece è stato una rivelazione. Non ho ceduto alla tentazione di dimezzare la dose e devo dire che il sapore era delicato e la cremosità ben contrastava con la croccantezza del cavolfiore saltato in padella.
Non so se sarà un piatto che riproporrò, ma sono soddisfatta di aver infranto il tabù del "formaggio caldo"...almeno per questa volta!

Nessun commento:

Posta un commento

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)