lunedì 11 maggio 2015

Dolci Pasticci - Waffle di Liegi or Liege Waffles

 
Scroll Down for English Version
 
La prima volta che ho mangiato un waffle era ricoperto di nutella.
Un'esperienza indimenticabile.
Da allora, e sono passati tanti anni, ogni tanto, durante i miei viaggi, mi è capitato di trovarne nelle fiere di paese, in qualche caffetteria o nel baracchini in riva al mare.
Anche in Italia si trovano, ricordo di averne mangiati di ottimi a Milano, però sono abbastanza rari.
E allora Andrea, che sa che amo il gadget culinario, mi ha regalato la piastra per farli in casa.
Di solito li faccio all'americana, con una pastella che assomiglia a quella dei pancakes, vengono morbidi, leggerissimi e li mangiamo a colazione con marmellata, sciroppo d'acero o nutella, quest'inverno li ho anche fatti per una merenda dicembrina condivisa con un gruppo di amici.
Parlando con il mio gruppo di inglese del giovedì sera è saltato fuori che uno di noi aveva il ricordo di una vicina di casa olandese che gli faceva i waffle quando era bambino e che questi erano i suoi dolci preferiti. Dalla descrizione - poco dolci, abbastanza compatti e pesantucci, non potevano essere i miei waffle di sempre così ho pensato di provare quelli di Liegi che sono fatto con il lievito di birra e sono abbastanza consistenti. Li ho fatti la mattina e sono stati mangiati la sera riscaldati serviti con della marmellata di fragole e zucchero alla cannella. Alla fine non erano i waffle del ricordo, ma sono venuti molto buoni comunque.
Ho usato la  ricetta  di questo blog modificandola appena e il risultato è stato molto soddisfacente, dovrò rifarli presto per farli provare ad Andrea che stavolta è rimasto a becco asciutto!
Per 12-13 waffle
  • 180 ml di latte
  • 2 cucchiaini di lievito di birra in granuli
  • 85 g di burro a temperatura ambiente
  • 50 g di zucchero di canna chiaro
  • 2 cucchiaini di sale marino fino
  • 1 uovo grande
  • 400 g di farina 0
  • 170 g di zucchero in zollette (io ho usato qualche cucchiaio di granella di zucchero)

Se non trovate la granella di zucchero potete usare le zollette rompendole in pezzi abbastanza grandi che dovranno sciogliersi e caramellarsi un po' durante la cottura, io ho usato granella di zucchero in quantità molto minore a quella indicata.

Fate scaldare il latte fino a raggiungere 40°C poi scioglieteci il lievito. Lasciare riposare per 5 minuti.
Tagliate il burro a piccoli pezzetti e mettetelo nella ciotola di un'impastatrice con lo zucchero di canna, il sale, l'uovo e mescolate bene tutti gli ingredienti. Con il gancio per impastare e l'impastatrice al minimo, incorporate il latte e lievito e la farina, aumentate la velocità e impastate per circa 5 minuti fino a che avrete ottenuto un impasto morbido e un poco appiccicoso. Se l'impasto dovesse risultare troppo bagnato aggiungete un cucchiaio di farina e continuate a impastare.
Mettete l'impasto a lievitare in un luogo caldo e al riparo dalle correnti d'aria, io ho usato il forno spento con la luce accesa. L'impasto dovrà raddoppiare in volume, occorreranno circa 1 ora e 30 minuti.
L'impasto può essere preparato anche la sera prima per la colazione e fatto lievitare in frigorifero. Mettetelo fuori dal frigo circa 20 minuti prima di mescolare la granella di zucchero e cuocere i waffle.
Quando l'impasto sarà lievitato rimettetelo nella ciotola dell'impastatrice e aggiungete la granella di zucchero o lo zucchero in zollette frantumato, mescolate fino a che lo zucchero è incorporato e poi dividete l'impasto in palline di circa 60 g. Io ho ottenuto 13 pezzi.
Scaldare la vostra piastra per waffle, la mia è elettrica e non ha la possibilità di regolare il calore, dovrete provare con la vostra per vedere quanto tempo occorre per cuocere i vostri waffle senza farli bruciare. Io ho cotto i miei waffle per circa 3 minuti. Fate attenzione quando rimuovete i waffle dalla piastra se avete utilizzato molto zucchero perché potrebbe essere caramellato in superficie ed è veramente molto molto caldo.
Usate una spatola per rimuovere i waffle e fateli intiepidire prima di servirli accompagnati da frutta fresca e panna o crema di nocciole spalmabile, miele, zucchero a velo o quello che più vi piace.

English Version


The first time I had a waffle it was covered in Nutella.
An unforgettable experience.
Since then, many years have passed and occasionally, during my travels, I happened to find it in country fairs, in some café or in stalls by at the seaside.
Even here in Italy I found them, I remember having eaten excellent ones in Milan. They are however quite difficult to come by.
Andrea, who knows I love kitchen gadgets, gave me a waffle maker as a present so that I could make them at home.
I usually make the American style waffles, the batter looks rather like the one I whip up for pancakes, and they come out soft, and very light and we eat them for breakfast with jam, maple syrup or chocolate spread, this winter I've even held an afternoon tea in December with a group of friends and I made waffles to go with hot drinks.
During my Thursday night English group it turned out that one of the guys had a fond memory of a Duch lady who was his neighbour and she used to make waffles for him when he was a kid. So waffles became his favourite desserts. From the description - slightly sweet, quite compact and heavy, they couldn’t possibly have been the waffles I usually make, so I thought I'd try Liege waffles made with yeast because they come out quite consistent. I made them in the morning and they were eaten in the evening warmed up before being served with homemade strawberry jam and cinnamon sugar. In the end they didn’t taste like the waffles my friend remembered, but they were very good anyway.

I used the recipe i found on this blog and played with it a little, I added a little more milk and just two teaspoons of yeast, the result was very satisfactory, I'll have to make them again for Andrea who didn’t get any this time. 

6 commenti:

  1. Mi incuriosiscono molto e appena replichi fai un fischio che vengo anch'io ^_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volentieri! Se te la senti di affrontare I primi caldi mantovani con umidità e zanzare a iosa... :D
      Purtroppo questa è una di quelle cose che vengono bene solo se si ha l'utensile giusto.

      Elimina
  2. debby, la tua waffle passion è condivisa dalla sottoscritta! mi segno qst versione da provare ora che ho anche io il ferro da qualche mese ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo rifarli e provarli con fragole e panna prima che finisca la stagione delle fragole...
      Questa versione è la mia preferita, per ora. ^_^

      Elimina
  3. DEVO provarli assolutamente, anni fa ho comprato una piastra che fa i waffles a forma di animale e ancora non l'ho mai provata! E' giunto il momento!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A forma di animale?!?! Ma deve essere bellissima! Se li fai fotografa eh! ^_^

      Elimina

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)