venerdì 16 settembre 2011

Esperimenti - Torta di Pesche or Puff Pastry Peach Tart


Questa è una delle torte più sbilenche che abbia mai fatto eppure è una delle torte di cui sono più fiera!
Una semplice torta di pesche con una base di sfoglia...fatta da me!
Durante le vacanze di quest'anno siamo capitati, su suggerimento di un tipo inglese che non aveva ben chiaro il concetto di "bello" riferito al paesaggio, in un paesino dall'attraente nome di Matlock Bath. La parte più affascinante di questo posto è forse il nome. Per il resto sembra di essere catapultati in uno di quei villaggi marinari inglesi in cui il kitsch domina sovrano: Una friggitoria di pesce dopo l'altra, un tripudio di sale da gioco dove un'umanità annoiata e senza altri interessi buttava monetine negli ingranaggi di divertimenti che promettevano grandi peluche e orologi pacchiani. Il brutto di questo posto è che non c'era neppure il mare! Visto l'andazzo, e visto che ormai avevamo speso i soldi per il parcheggio, Io e Andrea ci siamo rifugiati in una libreria e lì ci siamo sentiti a casa. Io mi sono diretta verso la sezione cucina, Andrea verso lo sport e siamo riemersi con due libri scontatissimi che non potevamo proprio lasciarci scappare.
Il mio è un libro sui dolci scritto da un "celebrity chef" inglese di nome James Martin e nelle pagine iniziali, fra le preparazioni base, c'era una ricetta per la pasta sfoglia che mi ha colpita per la dose contenuta sia di burro che di farina, così ho pensato che avrei potuto provare a farla, almeno una volta, per vedere come andava.
Sono proprio contenta di essermi fermata a Matlock Bath ora, la ricetta della sfoglia è strepitosa: facile, seppur con tempi di attesa fra una stesura e l'altra dell'impasto, di gradevolissima riuscita. Sicuramente da riproporre, con altri ripieni, sia dolci che salati, una base fantastica per la fantasia. Andrea ha detto che la torta di pesche gli ricordava la millefoglie e, visto che c'erano solo sfoglia, pesche e un po' di zucchero, senza creme di nessun tipo, m'è sembrato commento fantastico!
Durante la preparazione ho visto che la torta non era perfettamente squadrata ma ho deciso di non rifilarla perché poi non avrei saputo cosa fare dei piccoli ritagli, così me ne sono infischiata della forma.
Ecco come si prepara la sfoglia con la ricetta di James Martin.

Per 350 g di impasto servono:
  • 200 g di farina
  • 1/4 di cucchiaino di sale
  • 150 g di burro
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • 100 ml di acqua fredda
Mescolare la farina e il sale in una ciotola.
Aggiungere il burro tagliato a cubetti e mescolare senza incorporare troppo il burro in modo che non si sciolga. In pratica si ricopre il burro con la farina senza "rompere" troppo i cubetti.
Aggiungere l'acqua, il succo di limone e mescolare (con le mani si fa in un attimo) il composto fino ad ottenere un impasto.
Su un piano infarinato tirare la pasta in un rettangolo di circa 30 x 10 cm. Questo lavoro di misurazione è stato facilitato dall'aver usato come spianatoia un tappetino di silicone nato appositamente per tirare gli impasti, infatti è quadrettato e diviso in centimetri. Una volta spianato si ripiega l'impasto portando i due lati più corti  al centro in modo da farli sovrapporre, un po' come piegare una lettera in 3 parti.
Mettere la pasta a riposare in frigo per 15 minuti e ripetere questa operazione per altre 4 volte sempre tenendo uno dei lati  corti rivolto verso di voi ( in pratica quello con le pieghe). Una volta che la sfoglia è stata tirata 4 volte si fa riposare in frigo ancora per 30 minuti e a quel punto sarà pronta per essere usata.
Tutta questa storia di girare e stendere è più complicata cercare di spiegarla che a farla, se avete dubbi, o la mia spiegazione è un po' confusa, cosa di cui non dubito, non vi scoraggiate e provate comunque, che potrà mai succedere?!
Si seguono i tempi di cottura delle ricette che vogliamo fare e un po' di buonsenso. Io ho acceso il forno a 200°C, ho rigato la sfoglia con un coltello affilato facendo una cornice, l'ho bucherellata con una forchetta al centro per non farla gonfiare troppo e una volta disposte le pesche ho spennellato i bordi con dell'uovo e spolverizzato tutto di zucchero semolato.
Deliziosa!!!

2 commenti:

  1. mi piace tandi fruda con puff pastry.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace tantissimo! Veloce e deliziosa! :)

      Elimina

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)