lunedì 30 agosto 2010

Giro Intorno al Mondo - Arepas


Ecco la prima giornata di fresco dopo l'afa estiva e per festeggiare ho deciso di cucinare qualcosa a pranzo invece sbucciare un frutto o prepararmi qualcosa di freddo ecco che mi sono venute un mente le arepas!
Qualche tempo fa mi è capitato di leggere una ricetta di questo "pane" venezuelano e mi ha incantata per la sua semplicità. Tre ingredienti tre di cui due sono acqua e sale, e questo ha giocato a suo favore sicuramente. Mi sono documentata e come in tutte le ricette della tradizione di ogni paese le dosi degli ingredienti erano diverse in ogni ricetta, così ho deciso che sarei andata ad occhio. Ho comprato la farina di mais bianca, l'ho macinata con il mixer, che qui viene richiesta un farina molto fine, non granulosa come la nostra e poi mi sono messa all'opera. In una ciotola ho versato 1 tazza di farina, un bel pizzicone di sale fino e li ho mischiati, ho aggiunto poi circa 1 tazza di acqua poca per volta sciogliendo la farina con le mani e "impastando" questa pappetta fino a che si è formato un impasto solido ma umidiccio. -Ho messo una padellina a scaldare sul fuoco e l'ho spennellata con un poco di olio. Ho preso una manciata di impasto e rotolandolo fra le mani ho formato una pallina grande all'incirca come un mandarino e poi, sempre con il palmo della mano ho schiacciato questa palline fino a formare delle piccole frittelle schiacciate e spesse un paio di centimetri. Le ho messe a cuocere nella padella fino a che si sono dorate da una parte e poi le ho girate con una spatola facendole cuocere anche dall'altra. Come si vedrà dalla foto le ho fatte cuocere un attimo in più del dovuto ma il sapore non ne ha risentito. Una volta cotte le ho tagliate a metà e farcite con del formaggio tipo Gouda grattugiato, dei pomodorini tagliati a metà, del petto di pollo cotto a vapore e condito con solo una spolverata di sale e una macinata di pepe e infine ho dato un tocco di sapore con della blue cheese sauce ma senza spalmare le pareti delle arepas con del burro come vorrebbe la ricetta. Non volevo esagerare!
I tipi di ripieno per queste focaccette sono molteplici: maiale sfilacciato e formaggio, fagioli neri in salsa fatti secondo le ricette sudamericane, con il pollo, con il guacamole, con prosciutto e formaggio, insomma, la fantasia non ha limiti. Anche da sole sono buonissime!
Con le dosi che ho indicato sopra se ne fanno 3. Si servono calde e visto che non ci vuole nulla a farle vi consiglio di provarle, mi saprete dire...

Nessun commento:

Posta un commento

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)