mercoledì 27 giugno 2018

La Biblioteca di Cucina - 1000 Classic Recipes from Around the World e le Frittelle di Zucchini or the Courgette Fritters


Scroll Down for English Version

Questo enorme libro mi è stato regalato circa 20 anni fa dalla mia amica Robyn. 
Con un peso di 4 chili abbondanti e con più di mille pagine, posso dire con certezza che detiene il primato di grandezza nella mia collezione di libri di cucina.
Sono particolarmente affezionata a questo "mattone" che ha viaggiato con me da una casa all'altra di Londra e poi a Milano e infine qui a Mantova.
E' stato il primo libro che mi ha aperto gli occhi sulla cucina del mondo. Da queste pagine è nato il mio amore per la cucina asiatica, per tutte le spezie e le erbe aromatiche che non fossero i soliti, seppur buonissimi e ancora amati, basilico, prezzemolo, salvia e rosmarino.
Ricordo che un giorno l'ho aperto e seguendo passo passo una delle sue ricette, mi son cimentata nella produzione di involtini primavera, alla fine ce n'erano una montagna, croccanti e ben fatti, io ero distrutta dal gran lavoro che c'era voluto e dall'inesperienza che aveva dilatato i tempi di preparazione. Dopo aver fatto gli involtini non c'erano più ingredienti, né energie per fare qualche altro piatto e così la cena è stata, avrete indovinato, monotematica!
Nel frattempo la collezione di libri di cucina si è ingrandita a dismisura e sono passati molti anni da quei primi esperimenti con le povere cavie Nadia e Robyn che spesso assaggiavano i risultati del mio spentolare, ma il librone delle ricette dal mondo rimane uno dei miei preferiti, legato al periodo della mia vita in cui cominciavo a muovere i primi passi in cucina.
Tutto era partito dalla nostalgia del buon cibo di casa, le lasagne di mamma, i tortellini di nonna Teresa, la torta di mele della zia Adriana, poi però la curiosità aveva avuto il sopravvento e mentre imparavo a fare i piatti della mia famiglia già iniziavo a mettere ingredienti misteriosi nel carrello della spesa e poi, una volta arrivata a casa, fantasticavo su come li avrei usati.
Oggi riesco a ricreare nella mente i sapori, i profumi e le combinazioni degli ingredienti, mentre sfogliavo il librone in quegli anni di sperimentazione ogni abbinamento era una sorpresa.
Una delle prime ricette prese da questo libro, che mi ritrovo a fare ancora oggi, è molto semplice. Si tratta delle frittelle di zucchini a pagina 100. Niente spezie misteriose qui, sapori semplici che si legano bene, un piatto da accompagnare a una bella insalata fresca e il pranzo è fatto.
Voglio riproporvela perché anche voi abbiate una ricetta dal mio amato libro di cucina.

Per una decina di frittelle:
  • 150 g di zucchini grattugiati e tamponati con della carta da cucina
  • 50 g di farina auto-lievitante per torte salate (o farina normale e un pizzico di lievito per torte salate)
  • 1 uovo
  • 25 ml di latte
  • qualche rametto di timo fresco
  • sale
  • pepe
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
In una ciotola mescolare la farina e le uova. Poi aggiungere il latte, sale, pepe e timo. A questo punto si aggiungono gli zucchini e si mescola bene.
Scaldare dell'olio in una padella antiaderente e versare in questa il composto a cucchiaiate, far cuocere qualche minuto, girare le frittelle e scolarle su carta assorbente e servire calde.
 
 
English Version


This huge book was given to me by my friend Robyn about 20 years ago.
Weighting a little over 4 kilos and with more than a thousand pages, I can certainly say that it is the biggest book in my collection of cookery books.
I am particularly fond of this "big fellow" that has travelled with me from one dwelling to the other in London, then in Milan, and finally here in Mantua.
It was the first book that introduced me to the world's cuisine. My love for Asian food - for spices and herbs that were not the usual ones like basil, parsley, sage and rosemary, has its origins in these pages.
I remember one day I opened this book and following one of its recipes, step by step, I made spring rolls from scratch. In the end there were a mountain of them, they were crunchy and beautifully made, I was knackered by the time I finished cooking because of the great effort it took to make them, and because my inexperience had slowed me down. After making all those spring rolls there were no more ingredients nor any energy left to make a main dish and so dinner was, you’d guessed it, spring rolls for starter, main and dessert!
Meanwhile, the collection of cookbooks has hugely expanded, and many years have gone by since those first experiments, with my poor housemates Nadia and Robyn who often tasted the results of my “being in the kitchen”, but this recipe book still is one of my favourite, because it is linked to that time of my life in which I started to take interest in the cookery world.
Everything started because I missed the good food from home, my mum's lasagne, grandmother Teresa's tortellini, Aunty Adriana's apple pie, but I was too curious about the food of other countries and so, while I was learning how to make my family's dishes, I started to put mysterious ingredients in my shopping bag and then, once at home, I would fantasize about how I would use them in my dishes.
Today I can recreate in my mind all the flavours, the aromas and the combinations of ingredients, but when I was leafing through that book, during my years of experimentation, each and every combination of flavours was a surprise.
One of the first recipes from this book that I tried, which I’m still making nowadays, is the one for courgette fritters on page 100. No mysterious spices here, simple flavours greatly combined, a side dish or a main if served with a nice fresh salad. I’m posting it once again because you too should have a recipe from my beloved cookery book.
Here are the ingredients for 10 fritters: 

  • 150 g grated courgettes, pat dry with some kitchen towel
  • 50 g self-rising  flour
  • 1 egg
  • 25 ml milk
  •  some springs of thyme
  • salt 
  • pepper
  • 1 tbsp of extra virgin olive oil
In a bowl mix the flour and the egg. Add the milk, salt, pepper and thyme. Then add the courgettes and mix well.
Heat the oil in a non-stick frying pan and drop the mix with a tablespoon. Turn the fritters once and dry them in a plate lined with kitchen paper.
Serve the fritters hot.

2 commenti:

  1. Hello, I enjoy reading through your post.
    I wanted to write a little comment to support you.

    RispondiElimina

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)