mercoledì 14 ottobre 2015

Si Alzino le Temperature - Vichyssoise Calda or Hot Vichyssoise


Scroll Down for English Version
Questa settimana sono stata bravissima: ho fatto il piano per le cene con Andrea e la spesa mirata, mi sento molto soddisfatta di questa efficienza, finché dura...
Sono famosa per la mia incostanza e per i mille progetti iniziati e mai finiti ma la cucina è la mia passione e in un modo nell'altro son sempre ai fornelli.
Il cambio di stagione ha portato con sé la voglia di cibi caldi e le vellutate, zuppe e passati di verdura sono sempre stati la mia passione. Così eccomi a presentarvi la mia versione della vichyssoise.
Non uso quasi mai panna per ispessire le vellutate, preferisco cuocere le verdure scelte in poco liquido e poi addolcire il preparato con un po' di latte, ma stavolta avevo a disposizione del mascarpone e mi sono lasciata tentare. Latte e mascarpone sono stati la ciliegina sulla torta di questa crema di porri e patate di origine francese.
La vichyssoise, che nome meraviglioso, viene solitamente servita fredda ma ho stravolto anche questa regola e l'ho servita ben calda con del pane tostato.
Ricetta molto semplice da fare, basta preparare le verdure, farle cuocere e frullare, tutto qua.
Ecco i dettagli per 4 persone.
  • 500 g di patate
  • 300 g di porri, solo la parte bianca
  • 1 cipolla
  • 1 cucchiaio di burro
  • 1 litro di brodo vegetale, io ho usato un dado bio
  • 250 ml di latte
  • 90 g di mascarpone
  • erba cipollina
  • sale marino fino
  • pepe bianco
  • noce moscata
  • pane tostato per servire
Lavate bene i porri e tagliateli a fettine sottili, sbucciate le patate e affettatele finemente. Tritate la cipolla.
Soffriggete la cipolla e il porro nel burro facendo attenzione a non far prendere colore, devono solo ammorbidirsi.
Aggiungete le patate, il brodo, un po' di sale e pepe. Portate a ebollizione, abbassate il fuoco, coprite e fate andare per circa 20-30 minuti o fino a che le verdure sono ben cotte.
Con un frullatore a immersione riducete tutto a purea, aggiungete il latte, il mascarpone, una spolverata di noce moscata, aggiustate di sale e pepe e riscaldate a fuoco moderato.
Servite ben calda cospargendo la superficie con l'erba cipollina e accompagnata da fette di pane tostato.
English Version

This week I've been very organised: I've planned for my dinner meals with Andrea, I've been shopping for the ingredients I needed, and I’m very satisfied of my new efficient me, while it lasts...
I'm famous for my inconstancy and for the thousands of projects started and never finished, but cooking is my passion and in a way or another I’m always in the kitchen.
The cold season has brought the desire for hot and velvety soups, and vegetable soups have always been my passion. So here I am giving you my take on vichyssoise.
I almost never use cream in soups, I prefer to cook the vegetable of choice in some kind of liquid and then I sweeten the mixture with a little milk, but this time I had some mascarpone cheese at hand and I couldn't help using it. Milk and mascarpone were the icing on the cake for this French soup.
The vichyssoise, that a wonderful name, is usually served cold, but I broke this rule too and served it hot with toasted bread.
The recipe is very simple, just prepare the vegetables, cook them, blend, and that's all.
For 4 people.
  • 500 g potatoes
  • 300 g leeks, white part only
  • 1 onion
  • 1 tablespoon butter
  • 1 liter vegetable stock, I used an organic stock cube
  • 250 ml milk
  • 90 g mascarpone cheese
  • some chives stems
  • fine sea salt
  • white pepper
  • nutmeg
  • toasted bread to serve
Wash the leeks and cut into thin slices, peel the potatoes and slice them thinly. Chop the onion.
Fry the onion and leeks in butter, being careful they don’t turn brown, and cook them until just translucent.
Add the potatoes, the stock, a little salt and pepper. Bring to a boil, lower the heat, cover and cook for about 20-30 minutes or until the vegetables are tender.
With a hand blender puree the mixture, then add milk, mascarpone cheese, a sprinkling of nutmeg, check the seasoning and re-heat over medium heat.
Sprinkle the soup with the chives and serve hot with slices of toasted bread.

2 commenti:

  1. Questa avevo provato a farla mi pare dopo aver visto Julie&Julia! Ho trovato il libro di Julia Child e mi pare che una delle prime ricette era proprio questa zuppa di porri e patate, che anche io ho servito calda, dato che le zuppe fredde non mi fanno impazzire! (io la panna la uso spessissimo nelle zuppette, dà quel tocco di pesantezza ai piatti vegetariani a cui non riesco a dire di no!) Buonissima cmq, pochi ingredienti e risultato garantito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fosse per il gusto anche io userei la panna più spesso ma visto che sono sempre a spignattare è meglio che argini i grassi! :D

      Elimina

Vi ringrazio per i vostri commenti, fonte di ispirazione e miglioramento. :)