mercoledì 27 agosto 2014

Rimescoliamo - Insalata Calda di Ceci e Peperoni or Warm Pepper and Chickpeas Salad

Scroll Down for English Version
 
Tutto è partito da un piccolo avanzo di ragù. Niente pasta per me in questo periodo che voglio stare un po' a stecchetto in previsione di una vacanza a New York  a novembre dove ho intenzione di mangiare una quantità vergognosa di prelibatezze made in USA. Così bando alla pasta e al pane per un po' e largo a tanta frutta, verdura, legumi e tanti modi diversi e appetitosi per consumarli.
Cosa fare allora con quel poco di ragù se non potevo condirci la pasta? Mi è venuta in mente una ricetta che avevo letto sul Goodfood e così ho pensato di prenderla come spunto e rielaborarla. Una bella insalata calda di legumi e verdure grigliate con l'aggiunta del ragù alla fine, per dare un po' di consistenza al piatto. Maggiorana, paprika e peperoncino per elevare i sapori e buon appetito a me!

Per 2 persone:
  • 1 confezioni di ceci cotti
  • 1/2 peperone rosso
  • 1/2 peperone giallo
  • 1 melanzana media
  • 5-6 cucchiai di ragù di carne
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 cucchiaio d'olio extravergine d'oliva
  • 1 cucchiaino di paprika dolce
  • peperoncino
  • maggiorana
  • sale
Grigliate i peperoni poi metteteli in un sacchetto di plastica e fateli raffreddare per circa 10 minuti. Lavate e tagliate la melanzana a fette, nel senso della lunghezza, e grigliatela. Sbucciate i peperoni e tagliateli a listelline, tagliate anche le fette di melanzane in bocconcini.
Soffriggete l'aglio nell'olio, poi scartatelo e fate saltare i ceci nell'olio aromatizzato. Salate, aggiungete metà della paprika e fate cuocere a fuoco vivace per circa 5 minuti.
Aggiungete il ragù, la paprika restante, il peperoncino e un paio di cucchiai di acqua calda. Portate a bollore e quando la salsa comincia a restringersi aggiungete i pezzi di peperone, le melanzane e un pizzico di maggiorana essiccata. Fate andare per un paio di minuti mescolando bene e servite.
Questo piatto è ottimo accompagnato da un buon pane casareccio, che io ahimè non ho mangiato!
 
English Version
It all started with a some bolognaise sauce leftover. No pasta for me lately, I’ll be on a low carb diet for a while in preparation for a holiday in New York this coming November, as I want to eat a shameful amount of treats made ​​in the USA once I’m there. Pasta and bread are banned from my table for a little while, so off to lots of fruits, vegetables, legumes and so many different and delicious ways to present them.
So what to do with the little bit of sauce if I couldn’t have it with pasta? I've come up with a dish getting the inspiration from a recipe I read on Goodfood magazine. A nice warm pulse and grilled vegetables salad with the addition of the sauce at the end, to give a little texture to the dish. Marjoram, paprika and chili to enhance the flavours and I really enjoyed my meal!
For 2 people: 
  • 1 can of cooked chickpeas
  • 1/2 red bell pepper
  • 1/2 yellow bell pepper
  • 1 medium aubergine
  • 5-6 tablespoons of bolognaise sauce
  • 1 garlic clove
  • 1 tablespoon extra virgin olive oil
  • 1 teaspoon sweet paprika
  • chilli powder
  • dry marjoram
  • sea salt 
Grill the peppers then put them in a plastic bag and let cool for about 10 minutes. Wash and slice the aubergine lengthways then grill it. Peel the peppers and cut then into thin strips, cut the eggplant slices into chunks.
Fry the garlic in the oil for a few minutes then discard it and fry the chickpeas in the flavoured oil. Season with salt, add half the paprika and cook on medium-high heat for about 5 minutes.
Add the bolognaise sauce, the remaining paprika, some chilli and a few tablespoons of hot water. Bring to a boil and when the sauce begins to thicken add the pepper, aubergine, and a pinch of dried marjoram. Let cook for a couple of minutes, stir well and serve.
This dish is great with a good homemade bread, which unfortunately, for obvious reasons, I didn’t eat!

venerdì 22 agosto 2014

Ispirazioni - La mia Insalata Niçoise or My Niçoise Salad

Scroll Down for English Version
 
Credevo che questa estate piovosa mi avrebbe resa più produttiva in cucina e invece è successo il contrario. Non trovo molto piacere nel cucinare, si sono sfasati i ritmi, non c'è stato il fluire da una stagione all'altra con il relativo passaggio dai cibi ricchi e corposi dell'inverno alle pietanze fresche e sbarazzine dell'estate. Non ho sentito la voglia di tuffarmi in un mare di gazpacho, di vivere solo di fresche insalatone, di grigliare a più non posso carni e pesce. C'è stato un saltare da un risotto a un gelato, da una pasta fredda a un minestrone, dal vitello tonnato a tazze fumanti di tè bollente e pasticcini. Non c'è storia, si tornerà all'inverno senza aver assaporato a pieno l'estate, senza l'esasperazione dal troppo caldo, senza accogliere i primi freddi con gioia pensando ai primi maglioncini che ci terranno caldo e al profumo di spezie. Mentre ho già iniziato a infornare prelibatezze che regalerò a Natale, ho deciso di dare una sferzata solare alla mia mancanza di energia nella cucina di tutti i giorni e mi sono preparata una gustosissima insalatona. Sono partita da una base semplice e saporitissima una insalata del sud della Francia, la niçoise e l'ho modificata adattandola al mio frigorifero.
La niçoise ha come ingredienti tonno, acciughe, uova sode, pomodori, cetrioli, peperoni, cipolla rossa, carciofi, olive ed è condita con olio d'oliva, insomma è il compendio di tutto quanto è tardo primaverile o estivo e ricco di sapore.
Io ho cambiato un po' di elementi, aggiunto dei cucunci fatti dalla sorella numero 2 che sono molto saporiti e ho usato al posto della acciughe, ho messo del mais e una base di insalata gentilina croccante, ho usato olive greche e fagiolini cotti a vapore. Un mix che forse non è più nemmeno una niçoise ma che importanza ha quando ogni boccone è un'esplosione di sapore?
 
Per 2 persone:
  • mezzo cespo di insalata gentilina
  • 2 manciate di mais in scatola
  • 1 manciata di olive nere Kalamata
  • 1 grande pomodoro cuore di bue
  • 2 manciate di fagiolini cotti a vapore
  • 8-10 cucunci
  • 2 uova
  • 2 scatolette piccole di tonno al naturale
  • basilico fresco
  • pepe nero macinato fresco
  • olio extravergine d'oliva
Mettete a cuocere i fagiolini a vapore fino a che saranno cotti ma ancora appena croccanti, rassodate le uova per 8 minuti. Stendete i fagiolini in un piatto piano per farli intiepidire, sgusciate le uova e tagliatele a spicchi. Dopo aver lavato e asciugato insalata e basilico, lavate il pomodoro e tagliatelo a fette.
Tutto qua, è arrivato già il momento di assemblare il piatto!
Fate una base con l'insalata tagliata con le mani, cospargete con il mais, aggiungete le fette di pomodoro, i fagiolini, le olive, il tonno, le uova, i cucunci e il basilico. Condite con il pepe, un paio di cucchiai di ottimo olio extravergine e servite accompagnato da un buon pane rustico.
Non ho volutamente condito con il sale perché sia i cucunci che il tonno e le olive sono già molto saporiti e, se il pomodoro sarà maturo al punto giusto, i fagiolini cotti a dovere e le uova fresche, avrete una miriade di sapori interessanti in questo piatto senza che debbano essere coperti dalla sapidità, a volte un po' troppo entrante del sale. A me è piaciuta molto questa insalata, ne ho fatto una scorpacciata e prima che il freddo arrivi ne farò ancora, magari aggiungendo o forse togliendo qualche ingrediente...
 
English Version
 
I thought this rainy summer would make me more kitchen orientated but instead the opposite happened. I don’t find much pleasure in cooking nowadays, there hasn’t been the flow from one season to the next with its transition from rich and full-bodied winter food to fresh and carefree summer grub. I haven’t felt the urge to dive into a sea of ​​gazpacho, to live only on refreshing salads, or grilling meat and fish like crazy. There have been a back and fro affair amongst risottos to ice creams, from cold pasta salads to hot soups, or from cold veal with tuna sauce to steaming cups of tea and pastries. I’m sure this year we’ll go back to winter without having tasted the summer in full, without feeling sick of the heat, without greeting the first cold days with joy thinking about what sweaters will keep us warm and without welcoming the scent of winter spices as it was long due. While I have already started to bake treats that I'll give away at Christmas, I decided to give a boost to my lack of energy in everyday cooking and I prepared a delicious salad. I started with the idea of a simple and tasty salad of the south of France, the niçoise and I modified it by adapting to what was in my fridge.
The niçoise has ingredients like tuna, anchovies, boiled eggs, tomatoes, cucumbers, peppers, red onion, artichokes, olives and it’s seasoned with olive oil, in short, is the epitome of all that we can forage in late spring or summer and it’s full of flavour.
I have changed it a bit, by adding some tasty caper berries put in brine ​​by sister no.2 and used them instead of anchovies, I used some sweet corn and a base of crisp salad leaves, I used Greek olives and steamed green beans. A mix that perhaps it is not even a niçoise anymore, but who cares when each bite is an flavour explosion?
 
For 2 people:
  • half a head of crisp salad Leaves
  • 2 handfuls of canned sweet corn
  • 1 handful of black Greek olives
  • 1 large beefsteak tomato
  • 2 handfuls of steamed green beans
  • 8-10 caper berries
  • 2 eggs
  • 2 small cans of tuna in brine
  • fresh basil
  • freshly ground black pepper
  • extra virgin olive oil
Steam the beans until they are just cooked and still a bit crunchy, boil the eggs for 8 minutes. Spread the green beans on a shallow dish to cool them, shell the eggs and cut into wedges. Washed and dried the salad and basil leaves, wash the tomatoes and cut into slices.
That's it, it’s now time to assemble the dish!
Make a base by chopping the salad leaves with your hands, scatter with sweet corn, add the tomato slices, th green beans, olives, tuna, egg wedges, the caper berries and basil leaves. Season with pepper, a couple of tablespoons of good extra virgin olive oil and serve with a good rustic bread loaf.
 
I haven’t seasoned with salt because both caper berries and tuna but also the olives are already very salty and if the tomato is ripe to perfection, the green beans cooked properly and the eggs are fresh, you'll have a myriad of interesting flavours in this dish without them having them overpowered by salt. I loved this salad, I binged on it, and before the cold weather comes I want to make it again, perhaps adding or perhaps getting rid of some ingredient ...

venerdì 8 agosto 2014

Brunch - Nidi di Uova e Pancetta con Orzo ai Broccoli or Bacon and Egg Nests with Barley and Broccoli

 
Scroll Down for English Version
 
A volte ho voglia di qualcosa di un po' lezioso, costruito, gradevole all'occhio oltre che al palato e con queste uova avvolte in pancetta croccante mi sono tolta questa soddisfazione.
Forse lo avrò già detto, ma io adoro il cibo servito in piccole porzioni, avere la possibilità di assaporare piatti diversi in un unico pasto mi dà molta più soddisfazione che trovarmi di fronte a un piatto pantagruelico. Dover affrontare grandi quantità di cibo mi sgomenta, preferisco piccole dosi di gusto.
Per 4 persone.
Per l'orzo:
250 g di orzo perlato
qualche cima di broccolo, meglio se broccolini
1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
1 pizzico di peperoncino in polvere
3 fette di bacon o pancetta affumicata stesa
 
Per i nidi di uova e pancetta:
4 fette di bacon o pancetta affumicata stesa lunghe abbastanza per ricoprire la circonferenza degli incavi della vostra teglia per muffin
2 fette di pane in cassetta, possibilmente integrale o ai cereali
4 uova
sale
pepe
una noce di burro
 
Cuocete l'orzo in abbondante acqua salata per circa 18-20 minuti o secondo le istruzioni sulla confezione. Appena cotto scolatelo e sciacquatelo sotto l'acqua fredda e mettetelo in una ciotola. Nella stessa acqua scottate le cime di broccolo per circa 3-5 minuti poi scolatele. Scaldate una padella antiaderente e cuocete la pancetta fino a che diventerà dorata e croccante. Asciugatela con della carta da cucina e tagliatela a pezzetti. Nella stessa padella dove avete cotto la pancetta saltate il broccolo con 1/2  cucchiaio di olio, poi aggiungete all'orzo insieme con la pancetta, mescolate, condite con il rimanente olio, il peperoncino e tenete da parte.
Accendete il forno a 200°.
Cuocete la pancetta per 5 minuti fino a quando sarà appena dorata. Con un tagliabiscotti rotondo del diametro dei vostri stampi per muffin tagliate 4 cerchi dalle fette di pane. Imburrate l'interno degli incavi del vostro stampo, disponete un cerchio di pane sulla base dei vostri stampi, sistemate le fette di pancetta lungo la circonferenza e facendo molta attenzione rompete un uovo in ogni incavo. Fate cuocere in forno per 10-15 minuti o fino a che l'albume dell'uovo sarà ben cotto. Servire caldo accompagnato dall'insalata di orzo.
 
 
English Version


Sometimes I feel like something cute, well built, pleasing to the eye as well as the palate and I was really pleased with these crispy bacon and egg nests.
Maybe I’ve already told you, but I love my food served in small portions, I like to have the opportunity to taste different dishes in one meal. This gives me much more satisfaction than being presented with a gargantuan dish. Having to deal with large amounts of food makes me feel uncomfortable, I prefer small quantities of tasty godness.

For 4 servings
For the barley salad:
  • 250 g of pearl barley
  • some broccoli florets, even better if you can find small ones
  • 1 tablespoon extra virgin olive oil
  • 1 pinch of chilli powder
  • 3 slices of smoked pancetta or bacon
 
For nests of eggs and bacon:
  • 4 slices of bacon or smoked pancetta, they should be long enough to go around the muffin pan holes
  • 2 slices of sandwich bread, preferably wholemeal or granary
  • 4 eggs
  • salt
  • pepper
  • a knob of butter
 
Cook the barley in salted boiling water for about 18-20 minutes or according to package instructions. Drain and rinse under cold water and place in a bowl. In the same water cook the broccoli for about 3-5 minutes then drain. Heat a non-stick pan and cook the bacon until it becomes golden and crisp. Pat dry with kitchen paper and cut it into small pieces. In the same pan where you cooked the bacon sauté the broccoli with 1/2 tablespoon of olive oil, then add to the barley along with the bacon, stir and season with the remaining oil, chilli powder and set aside.
Preheat the oven to 200°C.
Cook the bacon for 5 minutes until it is just golden. With a round cookie cutter the size of your muffin tin hole’s bases cut 4 circles from the bread slices. Grease the inside of the holes, put the bread into four of the holes then place one slice of bacon around the circumference and very carefully break an egg into each hollow. Bake for 10-15 minutes or until the egg white is set. Serve hot with the barleyand and broccoli.

martedì 5 agosto 2014

Per Grandi e per Piccini - Coleslaw alla mia Maniera or Coleslaw my Way


Scroll Down for English Version

La prima volta che ho assaggiato questa insalata è stato alla festa di laurea di un amico la cui madre era scozzese. Amore al primo boccone oserei dire, ma poi l'ho dimenticata fino a quando, anni dopo, l'ho ritrovata in tutti i supermercati di Londra. Ehi era già pronta, che convenienza, che velocità! Certo non era buona come quella della mamma di Claudio, ma tant'è, al tempo la cucina non era una mia priorità, anche se mi è sempre piaciuto mangiare bene. Passano gli anni e tornata in Italia comincio a sentire la nostalgia dei cibi che accompagnavano i miei pranzi e le mie cene londinesi così, complice un enorme libro che mi aveva regalato una amica e coinquilina, ho iniziato a preparare questi piatti della memoria. La coleslaw, una semplice insalata di cavolo e carote, era uno degli accompagnamenti preferiti ai miei piatti veloci. Andrea l'ha approvata, e certo, quando si parla di verdure avvolte da salse, la maionese in particolare, lui non ha mai da ridire e così ecco che questa insalata un po' strana è diventata un piatto spesso presente sulla nostra tavola. Ho cercato di alleggerire la salsa usando dello yogurt e ho aggiunto dei semi di girasole e zucca per renderla ancora più sana e appetibile, così trasformata non mi faccio problemi a prepararla ogni volta che ne abbiamo voglia. Questa insalata si conserva anche per un paio di giorni in frigo anche se il condimento tenderà a separarsi un poco e diventare molto liquido. Consiglio di prepararla al momento, è tanto facile e veloce!
Per 2 persone: 
  • 1/4 di un piccolo cavolo cappuccio bianco
  • 2 carote grandi
  • 1 cucchiaio di semi di zucca
  • 1 cucchiaio di semi di girasole 
Per la salsa:
  • 1 cucchiaio di maionese
  • 2-3 cucchiai di yogurt greco
  • 1/2 cucchiaino di senape di Digione
  • 1-2 cucchiai di aceto di vino bianco, volendo aromatizzato alle noci 
  • sale e pepe, opzionali 
Tagliate il cavolo a listarelle sottilissime, lavatelo e asciugatelo. Pulite le carote e grattugiatele. Mettete il cavolo, le carote e metà dei semi in una grande ciotola.
Mescolate tutti gli ingredienti per il condimento in una ciotola, la salsa deve risultare abbastanza liquida, se fosse troppo densa aggiungete un poco di acqua.
Versate la salsa nella ciotola delle verdure e mescolate.
Mettete le verdure condite in una ciotola di servizio, cospargete con i rimanenti semi e servite.

English Version

The first time I tried this salad was at the graduation party of a friend whose mother was Scottish. It was love at first bite I dare say, but then I forgot about it until, years later, I found it in all of London’s supermarkets. Hey readymade, fast and convenient! It certainly wasn’t as good as the one Claudio’s mother made, but at the time cooking was not one of my priorities, although I've always liked to eat well. Years went by and once I was back in Italy I started to miss all the food I used to have for lunch and dinner in London. So, thanks to a huge cookbook that a friend and roommate gave me as a present, I started to prepare those dishes. Coleslaw, a simple cabbage and carrots salad was one of my favorite sides. Andrea approves it of course, when it comes to vegetables dressed with sauces, mayonnaise in particular, he is always happy, and so this unusual salad has become a staple. I tried to lighten the sauce using yogurt along with mayonnaise and I added sunflower and pumpkin seeds to make it even healthier and more attractive, so I don’t feel bad and I make it every time I fancy it. This salad will keep for a couple of days in the refrigerator even if the sauce tends to separate a little and become very watery. My advice is to prepare it as you need it, as it is so easy and fast!
For 2 servings:
  • 1/4 of a small white cabbage
  • 2 large carrots
  • 1 tablespoon pumpkin seeds
  • 1 tablespoon of sunflower seeds
For the dressing:
  • 1 tablespoon mayonnaise
  • 2-3 tablespoons of Greek yogurt
  • 1/2 teaspoon Dijon mustard
  • 1-2 tablespoons of white wine vinegar, or walnut flavored vinegar
  • salt and pepper, optional
Cut the cabbage into very thin strips, wash and dry. Peel the carrots and grate them. Place the cabbage, carrots and half of the seeds in a large bowl.
Mix all the dressing ingredients in a bowl, the sauce should be quite liquid, if it is too thick add a little water.
Pour the dressing over the vegetables and stir.
Place the coleslaw in a serving bowl, sprinkle with the remaining seeds and serve.